Casale Monferrato - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Casale Monferrato
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: DA VEDERE
 Casale Ŕ una cittÓ ricca d'arte e storia. La cattedrale di Sant'Evasio risale al XII secolo, seppur rimaneggiata nel XIX secolo. In stile romanico lombardo, presenta due campanili duecenteschi. L'interno, a cinque navate, ha volte a botte e a crociera, nonchÚ un matroneo con logge a trifore e quadriforme. Di particolare interesse la cappella di S.Evasio, di Benedetto Alfieri, con l'effigie del santo, patrono della cittÓ.
 Il castello dei Paleologi, imponente costruzione militare quattrocentesca, Ŕ a pianta esagonale con quattro torrioni angolari ed Ŕ cinto da fossato.
Il castello dei Paleologi  La torre civica, in mattoni a pianta quadrata, alta 60 m., fu elevata nel 1510 con l'apposizione della torre campanaria, mentre la cupola Ŕ posteriore (epoca sabauda).
 Il centro ospita, inoltre, la Sinagoga ebraica, situata nel caratteristico ghetto ebraico e riconosciuta come una delle pi¨ belle d'Europa. Di particolare pregio le Tavole della Legge in legno dorato risalenti al secolo XVIII, numerosi Rimonim (terminali per rotoli della Legge) e Atarot (corone per i rotoli della Legge) sbalzati, cesellati o in filigrana d'argento.
 Tra i palazzi del centro storico, meritano una menzione: il palazzo di Anna d'Alenšon (XV secolo), dotato di colonne circolari di laterizio, con capitelli cubiformi, un porticato con archi a sesto acuto, tipicamente rinascimentali e decorazioni a stemmi e tavolette dipinte rappresentanti personaggi della famiglia paleologa;
 Palazzo San Giorgio, oggi sede dell'amministrazione comunale, ha una facciata ripartita in tre ordini con finestre contornate da stucchi. Il portale, formato da colonne binate, Ŕ sormontato da un balcone con balaustra in pietra; Palazzo Magnocavallo, dallo scalone che si avvita intorno a due colonne, risulta di particolare bellezza per l'effetto monumentale, nonostante sia stato ricavato in uno spazio ristretto.
 I musei civici sono oggi ubicati nell'antico convento di Santa Croce, il cui chiostro Ŕ decorato con dipinti del Moncalvo.
 Il teatro municipale (1791 ma restaurato verso la fine XIX secolo) dispone di cinque ordini di palchi e loggione decorati con stucchi, dorature e velluti.